Libri di arte, poesia e filosofia

La parola verso proviene dal verbo latino vertere, cioè «capovolgere», in particolare la terra con un aratro. Il verso è allora un solco, una linea dritta in cui l’uomo col proprio lavoro pone i suoi semi che germoglieranno: nel verso, così, convergono la linearità naturale degli eventi e l’impegno fruttifero del pensiero umano.

lunedì 20 febbraio 2012

Davide Nocito


       

Davide Nocito, In un fiorito deserto

con dipinti di Roberto Matarazzo



Libro di arte-poesia a tiratura limitata (199 esemplari numerati a mano).

Collana «Coincidenze», Edizioni L’Arca Felice, Salerno MMXI,

pp. 24, più una litografia fuori testo.

ISBN: 9788890585494


 La scrittura poetica di Davide Nocito si pone come una diretta e quasi incontrollabile proiezione, visiva e sonora, di quella energia primigenia che attraversa, genera e plasma le forme e le forze fondamentali dell’esistenza. Si registra, infatti, in essa, un’aspirazione all’accoglimento di una visione aorgica del mondo, grazie alla quale la poesia si identifica con il dissolvimento della posizione personale di chi scrive nel mare oscuro ed estremo di una superiore oggettività che tende, potentemente, a diventare la voce stessa del puro indistinto e dell’Assoluto irrappresentabile. Mario Fresa

Davide Nocito è nato ad Alessandria il 2 marzo del 1974, dove attualmente vive e lavora in qualità di Segretario di Direzione presso la Presidenza della Provincia, alternando i suoi studi con la sensibile ricerca poetica. In un fiorito deserto è la sua prima raccolta pubblica di poesia, un felice esordio e una concreta promessa.




 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento:

Posta un commento